All'infanzia di Gropparello ...

Quanta attesa per la festa!

Arriverà anche quest'anno Babbo Natale?  VISUALIZZA VIDEO

Tutti i bambini della scuola dell'infanzia di Gropparello, vestiti di bianco, hanno regalato a genitori e familiari una scaletta di poesie e canzoni animate con tanto di campanellini e stelline luccicanti.

Tutto pronto: i muri rivestiti dei disegni realizzati dai bambini e sui tavoli appoggiate delle buste regalo col nome di ciascun bambino, il proiettore in funzione, il presepe realizzato dai bambini con materiale di riciclo. L'atmosfera magica di quando si attende qualcuno.

La presentatrice, maestra Luisella, con la collaborazione di tutte le maestre e anche delle collaboratrici scolastiche, ha accolto e salutato tutti i presenti presentando passo a passo tutti i momenti della festa e intrattenendo i presenti. Ospite d'onore il Sindaco in prima fila. Era presente anche un ospite d'eccezione: la scrittrice e illustratrice Anna Confalonieri Prandini che a dicembre aveva letto ai bambini il suo ultimo libro “Concerto di grilli e spighe di grano” seguito da un laboratorio artistico. Purtroppo in quell'occasione a causa dell’influenza  erano presenti a scuola pochissimi bambini per cui si è resa disponibile a raccontarlo ancora e, pur senza far seguire il laboratorio fatto a scuola, tutti insieme abbiamo ascoltato e suonato arpe, pianoforti, violini, cembali, triangoli...ciascuno con la propria fantasia sulle note musicali della nona sinfonia di Beethoven, conosciuto come Inno alla gioia e Inno alla pace. Il tema della pace che emerge dall'anima del libro è stato anche il cuore della prima canzone eseguita dai bambini auspicando un pianeta dove tutti gli uomini si prendano per mano. Ma a un certo punto chi arriva? Ė proprio lui! Babbo Natale! L'entusiasmo dei bambini alle stelle: gli corrono incontro e lo abbracciano, ma indagano anche sulla sua identità.. un paio di scarpe già viste non li convince fino in fondo...

Soprattutto ... perché non ha portato slitte di regali???

Ecco, i bambini avevano chiesto di donarli ad altri bambini nel mondo: a chi non aveva ricevuto regali e questo li avrebbe resi felici; a chi viveva in un paese dove c'è la guerra, come i bambini siriani del libro.

Sì perché a Gropparello era già passata Santa Lucia e aveva portato doni ad ogni bambino per cui sarebbero stati troppi. Giusto donarli a qualcun altro.

Un dolce pensiero però Babbo Natale l'ha portato comunque ad ogni bambino, e poi ha fatto loro un gran regalo inaspettato... ha fatto cantare i loro genitori! Ecco un cambio di ruolo: i bambini diventano il pubblico e ascoltano con attenzione i canti natalizi della tradizione popolare eseguiti dalle loro famiglie.. che gioia!

Ma che festa sarebbe senza rinfresco? Allora per la felicità dei più piccoli tutti ai tavolini dove deliziare il palato e scambiarsi gli auguri di Buon Natale e felice anno nuovo.

Le Maestre

VISUALIZZA VIDEO

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.