Combattiamo la zanzara tigre

LA ZANZARA TIGRE: SE LA CONOSCI LA EVITI

una nemica si annida nelle nostre case...

Agli inizi di aprile è venuto alla scuola secondaria di Carpaneto, nelle classi prime, un esperto di ecologia, Emiliano, inviato dal Comune e dall’A.S.L., per spiegare il problema della zanzara tigre e far capire che cosa può fare ognuno di noi.

Gli incontri sono stati molto interessanti, perché non solo ci ha spiegato la zanzara da un punto di vista scientifico, ma anche in relazione alla sua origine e ai rischi che comporta la sua diffusione.

Ogni classe ha poi elaborato alcuni articoli e alcune locandine promozionali per la lotta alla zanzara, che deve impegnarci sin dal finire dell’inverno, affinché sia una lotta efficace e non uno spreco di tempo e risorse.

Ci ha detto una cosa importante: non è una specie che è portata a spostarsi molto, quindi se riuscissimo a liberare il nostro paese, potremmo già vivere meglio e stare all’aperto senza essere tormentati da questo fastidiosissimo e pericoloso insetto.

Diciamo pericoloso perché può essere veicolo di almeno due malattie tropicali: la Chikungunya e la Dengue. Come si diffondono queste malattie? 1- una zanzara punge una persona infetta 2- la zanzara si ammala e il virus nella zanzara si moltiplica 3- la zanzara punge una persona sana 4- la persona si ammala.

Il contagio avviene dunque solo attraverso le zanzare.

Per la riproduzione, le zanzare tigre hanno bisogno di acqua ferma: è lì che possiamo e dobbiamo intervenire noi a casa, sensibilizzando le nostre famiglie e tutte le persone del nostro paese. E’ proprio vero che in questo caso L’UNIONE FA LA FORZA

Nel successivo articolo troverete tutti i consigli pratici, inoltre guardate anche le locandine che hanno vinto nelle classi IA e IB un mini-concorso organizzato dalla professoressa di italiano!

                                                                                           Le classi IA e IB

 

“INFORMARE PER VIVERE FELICI DIFENDIAMOCI DALLA ZANZARA TIGRE!”

ZANZARA TIGRE NON TI TEMIAMO!

NOI CI INFORMIAMO ETI DEBELLIAMO!

 

Le zanzare tigre sono insetti lunghi dai due ai dieci millimetri, caratterizzati da una vistosa bardatura tigrata bianca e nera. Questa zanzara utilizza piccole raccolte d’acqua, sia naturali che artificiali, per la deposizione delle uova. In Italia, essa può essere attiva da aprile fino a ottobre ed è in grado di resistere anche a lunghi periodi di siccità; punge soprattutto nelle ore più fresche della giornata, al mattino presto e al tramonto. Gli esperti consigliano di adottare alcuni accorgimenti per tenere lontane le zanzare tigre e scongiurare il rischio di contrarre pericolose malattie infettive e irritazioni cutanee.

Tutti noi possiamo cercare di fermare la sua diffusione cercando di:

  • evitare  la raccolta di acqua piovana in qualsiasi contenitore;
  • trattare l’acqua presente nei tombini, nelle griglie di scarico e nei pozzetti di raccolta, ricorrendo a prodotti consigliati per l’uso (pastiglie apposite);
  • riempire i vasi portafiori, all’interno dei cimiteri, con sabbia umida, al posto dell’acqua. In caso di utilizzo di fiori finti, il vaso dovrà essere comunque riempito di sabbia, se collocato all’aperto.
  • dotarsi di zanzariere e all’occorrenza usare piastrine , avendo cura di non soggiornare nei locali mentre il prodotto è in azione.

Anche gli animali domestici devono essere protetti adeguatamente dalle punture, ricorrendo a trattamenti specifici in grado di tenere lontani i fastidiosi insetti.

                                                                                           La classe IC

 

VISUALIZZA IMMAGINI